Home Fondi Interprofessionali

Fondi Interprofessionali

E-mail Stampa PDF

pagina in allestimento....

FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA
Cosa sono
La legge 388/00, articolo 118 (così come modificata dalla legge 289/2002, art. 48) prevede la possibilità di creare Fondi Paritetici Interprofessionali per la formazione continua.
I Fondi dovranno essere promossi e costituiti congiuntamente dalle Associazioni di rappresentanza datoriale e dai Sindacati dei lavoratori su base settoriale.
I Fondi hanno la finalità di promuovere lo sviluppo della formazione continua dei lavoratori attraverso il finanziamento di Piani formativi aziendali, settoriali, territoriali e individuali presentati dalle imprese aderenti ai Fondi stessi.
Ad oggi ne sono stati costituiti 10: Fondi Paritetici Interprofessionali
Settori interessati Organizzazioni promotrici
Fondo per le imprese -
Fondimpresa
Industria Confindustria; Cgil; Cisl; Uil
Fondo Formazione PMI Industria Confapi; Cgil; Cisl; Uil
Fondo per il terziario - FOR.TE Terziario, comparti del commercio–turismo–
servizi, creditizio-finanziario, assicurativo e
logistica–spedizioni–trasporto
Confcommercio; Abi; Ania;
Confetra; Cgil; Cisl; Uil
Fondo per il terziario -
FON.TER
Terziario, comparti turismo e distribuzioneservizi
Confesercenti; Cgil; Cisl; Uil
Fondo Artigianato
- FART
Artigianato,
Piccole e medie imprese
Confartigianato; Cna; Casartigiani;
Claai; Cgil; Cisl; Uil
Fondo per le imprese cooperative
- FONCOOP
Cooperazione A.G.C.I.; Confcooperative;Legacoop
Cgil; Cisl.; Uil
Fondo dei dirigenti dell’industria
- Fondirigenti
Industria Confindustria; Federmamager
Fondo dei dirigenti del terziario -
FON.DIR
Terziario, comparti del commercio–turismo–
servizi, creditizio-finanziario, assicurativo e
logistica–spedizioni–trasporto
Confcommercio; Abi; Ania;
Confetra; Fendac;
Federdirigenticredito; Sinfub; Fidia
FONDO DIRIGENTI PMI Piccole e medie imprese industriali Confapi; Federmanager
FONDOPROFESSIONI Studi professionali e aziende ad essi collegate Consilp; Confprofessioni;
Confedertecnica; Cipa; Cgil; Cisl; Uil

Beneficiari

Possono beneficiare dei Piani formativi finanziati dai Fondi Interprofessionali i lavoratori delle imprese che aderiscono ai Fondi attraverso le procedure indicate dalla Circolare INPS numero 71 del 2 aprile 2003 (reperibile sul sito web dell’INPS).
Le imprese che intendono aderire ad un Fondo devono indicare all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale il Fondo Interprofessionale prescelto.
L’INPS devolverà a quest’ultimo il contributo che tutte le imprese versano ordinariamente a titolo di assicurazione contro la disoccupazione (art.25 legge 845/1978).
L'adesione ai Fondi e le eventuali disdette devono essere effettuate entro il 30 giugno di ogni anno.
Sia adesioni che disdette produrranno effetti dal 1 gennaio dell’anno successivo.
Modalità di partecipazione alle attività formative I Piani formativi individuali, aziendali, territoriali o settoriali per la formazione dei lavoratori saranno finanziati direttamente dai Fondi Interprofessionali che emetteranno degli Avvisi (o Bandi) per la raccolta delle proposte progettuali presentate dalle imprese o dagli enti di formazione. Le proposte saranno valutate da apposite commissioni istituite dai Fondi stessi.
Le imprese che vorranno presentare un Piano formativo per i propri dipendenti dovranno quindi aderire ad uno dei Fondi ed attendere che vengono emanati dal Fondo stesso indicazioni per le modalità di presentazione dei progetti di formazione.
Saranno comunque i Fondi che avranno cura di avviare e sviluppare i rapporti con le imprese aderenti.

Per informazioni

Presso gli uffici (o i siti Internet) delle organizzazioni promotrici dei Fondi Interprofessionali.

- ARCHIVIO: AVVISI e CIRCOLARI -.........................................................................................................................

Roma, 7 maggio 2012 - Fondo Paritetico Interprofessionale Fonservizi: Avviso 01/2012.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 10 Maggio 2012 15:26 )