Federazione Italiana Lavoratori Trasporti

banner
NTV:  Lunedi 29 gennaio SCIOPERO di 8 ore.
,

NTV: Lunedi 29 gennaio SCIOPERO di 8 ore.

SHARE
NTV: Lunedi 29 gennaio SCIOPERO di 8 ore.
da FILT-CGIL nazionale

NTV: SINDACATI, CONFERMATO LUNEDÌ 29 GENNAIO SCIOPERO DI 8 ORE

Roma, 26 gennaio – “Alla conclusione, oggi, delle assemblee dei lavoratori di Ntv è confermato lo sciopero di lunedì 29, dalle 10 alle 18”, così dichiarano Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Taf e Fast Mobilità spiegando che “l’ultima assemblea si è tenuta oggi a Torino e tutte quante, complessivamente sette corrispondenti alle principali città dove Ntv staziona, hanno avuto una partecipazione molto ampia dei lavoratori”.
“Alla base della protesta – ricordano le organizzazioni sindacali – il mancato rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tempo, e il mancato riconoscimento del premio previsto dallo stesso contratto e dovuto ai lavoratori per via degli ottimi risultati conseguiti dall’azienda”.
“Siamo perplessi – aggiungono Filt, Fit, Uiltrasporti, Ugl TAF e Fast – per la mancata convocazione sulle ragioni dello sciopero da parte di Ntv che dimostra la massima indifferenza rispetto ai diritti, ai bisogni e alle esigenze di tutto il personale che con professionalità e sacrifici, tra questi un periodo in regime di solidarietà, ha consentito la ripresa economica dell’azienda”.
Secondo Filt, Fit, Uiltrasporti, Ugl Taf e Fast infine “se Ntv continuerà a ignorare le legittime richieste dei lavoratori, la protesta non potrà che continuare nel rispetto della legge 146/90 sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali”.

Ntv: Sindacati, verso sciopero del 29 da oggi al via assemblee lavoratori
Roma, 16 gennaio – “Da oggi per i lavoratori di Ntv cominciano le assemblee per discutere dei problemi del lavoro irrisolti, in vista dello sciopero del 29 gennaio, dalle 10 alle 18, che è confermato”, così dichiarano Filt-Cgil Fit-Cisl, UIltrasporti, Ugl Taf e Fast, spiegando che: “contrariamente a quanto ha affermato pubblicamente, Ntv continua a rifiutare il confronto con i sindacati sul rinnovo del contratto nel perimetro del nuovo contratto della Mobilità, pretendendo di definirne uno proprio”.
“Il contratto aziendale – sottolineano infine le sigle sindacali – è scaduto dal 31 dicembre 2014. Come se ciò non bastasse, la società rifiuta di riconoscere ai lavoratori il premio previsto , dovuto agli ottimi risultati di bilancio, già consolidati e annunciati pubblicamente dall’azienda”.

Ntv: sindacati, sciopero di 8 ore il 29 gennaio
Roma, 20 dicembre- “Sciopero di 8 ore, dalle 10 alle 18, il prossimo 29 gennaio di tutti i lavoratori di Ntv”. Lo annunciano Filt-Cgil Fit-Cisl, UIltrasporti, Ugl Taf e Fast spiegando che “nonostante l’impegno preso nel 2011, la società nega la possibilità di iniziare il confronto sul rinnovo del contratto nel perimetro del nuovo Ccnl della Mobilità”.
“Il contratto aziendale – proseguono le sigle sindacali – è scaduto da tempo ed i lavoratori hanno già abbondantemente atteso, peraltro senza far mancare presenza costante ed impegno. Inoltre – spiegano infine Filt, Fit, Uiltrasporti, Ugl Taf e Fast – Ntv rifiuta di riconoscere ai lavoratori l’extra premio previsto dal contratto aziendale e dovuto in base agli ottimi risultati di bilancio conseguiti”.

Ntv: Sindacati, verso sciopero per contratto e premio di produttività
Roma, 24 novembre – “Si rinnovi il contratto e si corrisponda il premio di risultato che spetta di diritto ai lavoratori”. E’ quanto chiedono unitariamente Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Taf e Fast Mobilità ad Ntv annunciando che “lo sciopero sarà inevitabile se lavoratori e sindacato non avranno al più presto le risposte che attendono”.
“Oggi abbiamo avviato la procedura di raffreddamento – spiegano le sigle sindacali – che rappresenta il primo passo verso lo sciopero. Ntv finalmente presenta ottimi conti e si prepara a sbarcare in borsa ma allo stesso tempo non intende riconoscere ai propri dipendenti i tanti sacrifici fatti per risollevare l’azienda che, fino a non molto tempo fa, versava in una situazione di difficoltà. Il contratto aziendale è scaduto ormai dal 31 dicembre 2014 e per due volte, nel 2014 e nel 2015, si è dovuto ricorrere al contratto di solidarietà difensiva per tutti i dipendenti. Nel 2016 l’impresa si è risollevata e poco tempo fa ha annunciato ai media risultati economici oltre le aspettative e questi successi, come previsto dal contratto aziendale, richiedono che Ntv paghi ai lavoratori un premio di produttività aggiuntivo, ancora non corrisposto”.
“Sbaglia l’azienda – sostengono infine Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Taf e Fast Mobilità – se pensa di poter competere nel mercato liberalizzato, basandosi su un costo del lavoro, nei fatti, basso e non sulla qualità del servizio offerto ai passeggeri”.