Federazione Italiana Lavoratori Trasporti

banner
Incontro al Mise per Società Atitech
,

Incontro al Mise per Società Atitech

SHARE
Incontro al Mise per Società Atitech

In data odierna, si è svolto presso il Mise, un ulteriore incontro di verifica pertinente alle criticità di natura industriale relative alla società Atitech.

Un’emergenza determinatasi che trovandosi in amministrazione straordinaria e non potendo corrispondere i crediti vantati per lavoro fornito entro la data del 2 maggio 2017, ha contribuito a fare emergere più significatamente la fragilità della società.

Una fragilità dal punto di vista della ridotta liquidità finanziaria rappresentata dai vertici della società, che anche i rappresentanti sindacali hanno acquisito unitamente alle altre tematiche e sollecitato alle istituzioni per la risoluzione in tempi auspicabilmente brevi.

Nel merito sia il Mise e la Regione Campania attraverso i propri rappresentanti hanno garantito l’erogazione dei fondi residui dovuti alla società. Il Mise, per la partecipazione ad un precedente bando per progetti di investimenti di cui è in corso la necessaria istruttoria che auspichiamo si possa concludere con la riunione programmata per il 27 luglio, e la Regione
Campania, per l’erogazione delle somme economiche relative al primo anno di formazione professionale già svolta e quelle spettanti per il secondo anno che sarà liquidato una volta completato l’iter formativo.

Per quanto attiene al riconoscimento degli ammortizzatori sociali in base a quanto previsto dall’art. 42 del decreto legislativo 148/15, la Commissione, si riunirà il giorno 25, una volta preso in esame l’istanza presentata dalla società Atitech, se sarà accolta, si potrà utilizzare la cassa integrazione speciale fino al 31 dicembre 2018.

Dobbiamo essere consapevoli che lo strumento ricercato va considerato e utilizzato come gestione temporanea di una fase di
società se vuole guardare in prospettiva, dovrà dotarsi di un piano industriale serio e credibile articolato su investimenti e tempi di realizzazione, per il rilancio dei suoi asset specifici di manutenzione.

Peraltro per rivendicare il ruolo di player di mercato, la società dovrà dimostrare attraverso le proprie competenze e con i mezzi disponibili, di attrarre nuove attività commerciali derivanti dalle commesse conto terzi.

Le OO.SS. hanno rivendicato alle istituzioni e ai vertici dell’azienda, l’esigenza di preservare le attività di manutenzione del trasporto aereo in Italia, per la loro importanza strategica per tutto il paese, ovviamente riconducendo ad ognuno i propri impegni.

Il Dirigente del Ministero dello Sviluppo Economico, preso atto delle richieste avanzate da tutte le parti presenti in riunione, ha programmato la data della prossima riunione per settembre ore 15.00

Dipartimenti Nazionali Trasporto Aereo
Filt-Cgil Fit- Cisl

Roma, 21 luglio 2017