Federazione Italiana Lavoratori Trasporti

banner
Corso Formazione per giovani sindacalisti RSU/RLS
,

Corso Formazione per giovani sindacalisti RSU/RLS

SHARE
Corso Formazione per giovani sindacalisti RSU/RLS

“30 Giovani, Ferrovieri e Sindacalisti”

Il ruolo delle RSU e degli attivisti sindacali, oggi più che mai, risulta strategico per l’azione sindacale.

Per i Ferrovieri, stando al sistema di relazioni industriali, regolato dal CCNL della Mobilità/AF, le RSU rappresentano, in taluni ambiti, l’elemento di congiunzione tra Lavoratori e Segreterie Regionali, in altri addirittura l’unico elemento intermedio tra Lavoratori e Segreterie Nazionali.

Nei luoghi di lavoro dove non sono presenti fisicamente le RSU, gli attivisti sono l’unica presenza quotidiana del sindacato.

Data la complessità e la delicatezza del ruolo, ferma restando la motivazione e la predisposizione personale allo stesso, si rende necessario, per una azione efficace, un bagaglio tecnico che aiuti a svolgere l’attività quotidiana di rappresentanza.

Il mondo del lavoro è profondamente cambiato, con esso anche le istanze da rappresentare, le modalità di comunicazione con i Lavoratori, soprattutto in alcuni ambiti, tipo quello degli equipaggi, nel quale il luogo di lavoro risulta, per certi versi, “non localizzato”.

Occorrono quindi nuovi strumenti di comunicazione e costruzione del pensiero comune, fondamento ineluttabile di ogni piattaforma rivendicativa.

In mancanza di ciò si alimenta il già forte distacco tra i Lavoratori e le organizzazioni sindacali e si va verso la deriva della rivendicazione individuale: la negazione assoluta dell’agire sindacale.

I Ferrovieri non sono avulsi da questa deriva! E’ sempre più frequente imbattersi in Lavoratori che non comprendono le decisioni assunte dalle organizzazioni sindacali e al contempo, nelle organizzazioni sindacali, ci si interroga su come sia possibile che ciò accada.

La percezione diffusa del sindacato fa di quest’ultimo un “corpus terzo”, con interessi propri e difformi da quelli dei Lavoratori.

E’ un dato di fatto che oggi, il maggior sindacato esistente nei luoghi di lavoro è quello dei non iscritti, anche tra i Ferrovieri, che storicamente rappresentavano “la punta di diamante del movimento operaio”.

Anche gli Iscritti percepiscono, sempre più spesso, il sindacato solo come uno strumento, non loro, da utilizzare all’occorrenza, ma voluto, pensato, organizzato e pianificato da altri.

Una sorte di assicurazione da chiamare in causa all’occorrenza e sempre più frequentemente per questione di carattere personale e sempre meno per rivendicazioni di carattere collettivo.

Per trovare risposta a questa analisi, per accorciare le distanze tra organizzazioni sindacali e Lavoratori e per rendere le stesse più vicine ai bisogni percepiti dai Lavoratori, un ruolo fondamentale possono ricoprirlo le RSU e gli attivisti, in quanto parte attiva di quel mondo che rappresentano.

Solo ricostruendo questo legame tra luoghi di lavoro e luoghi della rappresentanza sarà possibile sostenere processi decisionali collettivi, in un momento storico in cui la disintermediazione è stato e resta un obbiettivo di diverse forze politiche, anche di sinistra.

La delegittimazione dei corpi intermedi porta alla deriva individualistica e alla distruzione del concetto di lotta per il bene comune: la vera forza dei Lavoratori e di tutti i soggetti deboli di una società.

Sviluppare, potenziare e diffondere tra le RSU e gli attivisti, competenze utili al riconoscimento e alla gestione del ruolo, fornire strumenti necessari ad incentivare la partecipazione dei Lavoratori alle decisioni collettive da assumere, con piena responsabilità, è il focus di questo percorso formativo.

Percorso formativo:

Questo corso si pone l’obiettivo di accogliere nella grande famiglia della CGIL, e quindi i Ferrovieri nella Filt, la categoria dei trasporti, Coloro che hanno deciso di dare un contributo alla causa del lavoro.

Il corso è articolato in quattro giornate non consecutive.

Nella prima giornata si ripercorrerà, con una breve narrazione, la storia del nostro Paese, dall’unità ad oggi, ponendo in evidenza quanto la stessa sia intrisa del contributo profuso dai Lavoratori.

Il ruolo fondamentale che la CGIL ha avuto nello sviluppo della nostra Società e parallelamente il ruolo di protagonisti che i Ferrovieri hanno sempre avuto nella storia di questo Paese.

Successivamente verrà illustrata la complessa organizzazione in cui è articolata la CGIL: partendo dallo statuto verrà chiarito il ruolo e le funzioni di tutti gli Organismi.

Una prima giornata volta quindi a creare identità nei Partecipanti, partendo dalla storia per finire agli aspetti organizzativi, indispensabili per creare il senso di appartenenza.

Nella seconda giornata verranno affrontati i temi delle principali fonti normative che regolano il mondo del lavoro, partendo dalla costituzione per arrivare alle principali leggi in materia.

Un approfondimento sarà dedicato alle ultime leggi varate in materia di misura della rappresentanza e apparirà molto più chiara e motivata la necessità del proselitismo e quindi del tesseramento.

Precisare le finalità consentirà di superare quei limiti e quei pregiudizi che spesso si trovano connessi all’azione di proselitismo e tesseramento: proporre di iscriversi alla CGIL diventerà un fatto naturale nella consapevolezza di incrementare il misuratore della rappresentanza, e pertanto dell’efficacia dell’azione rivendicativa.

Si affronterà successivamente il tema della contrattazione collettiva nazionale, partendo dagli accordi interconfederali per arrivare al CCNL della Mobilità/AF, con un focus particolare sul sistema delle relazioni industriali alla base di tutta l’attività negoziale di pertinenza di una RSU.

Nella terza giornata si affronteranno i temi più impattanti con l’attività negoziale di secondo livello, partendo dalle deroghe fornite dal CCNL.

“La conoscenza è potere”, non è una frase fatta bensì un dato di fatto: chi conosce le norme sull’orario di lavoro e i diversi obblighi contrattuali è in grado di tutelare se stesso e gli altri semplicemente appellandosi a quanto contenuto nel contratto, strumento di riferimento per tutti, lavoratori e aziende.

Successivamente si affronterà il capitolo sulla retribuzione e si forniranno gli elementi per una corretta lettura della busta paga: si lavora per il salario!

Nella quarta giornata si affronterà il tema della fiscalità e della previdenza con un focus sul ruolo del sistema dei servizi della CGIL.

Chi fa sindacato si imbatterà continuamente in richieste dei Lavoratori in ordine a questioni di tutela dei diritti individuali: consulenza fiscale, calcolo pensione, assistenza legale ecc.: occorre saper dare risposte immediate a questioni semplici e saper indirizzare alle strutture competenti per questioni più complesse.

Successivamente si affronterà il tema della previdenza complementare con un focus particolare sul fondo Eurofer.

Tutti i neo assunti impattano con il problema di dover scegliere la destinazione del TFR nei primi sei mesi di lavoro; saper dare risposte utili a chiarire gli effetti di tale scelta può essere un primo biglietto da visita per un sindacalista.

Sarà inoltre prevista una giornata di integrazione per il Personale degli equipaggi, per un approfondimento sulle normative specifiche dell’orario di lavoro “non cadenzato” e sugli istituti economici ad esso connessi.

Una giornata di integrazione sarà prevista anche per il Personale della manutenzione infrastruttura, finalizzata ad approfondire gli aspetti normativi legati a particolari istituti contrattuali di pertinenza.

Il corso si avvarrà, oltre che dei Dirigenti della Filt CGIL Campania, i quali ne cureranno, secondo competenza, l’organizzazione e la relazione in aula su una serie di contenuti, anche di Professionisti del settore, sia interni che esterni alla CGIL, soprattutto selle materie giuridiche, fiscali e previdenziali.



Programma:

1 giornata – 05/02/2020

Ore 09.00: Presentazione del corso e obiettivi
Ore 09.30: Presentazione dei partecipanti
Ore 10.30: Identità, storia e memoria: la CGIL e i Ferrovieri nella storia d’Italia.
Ore 13.00: Pausa pranzo.
Ore 14.00: La CGIL: statuto e struttura organizzativa.
Ore 15.30: Dibattito dei partecipanti e valutazione della prima giornata.
Ore 16.00: Termine dei lavori

2 giornata – 10/02/2020

Ore 09.00: La gerarchia delle fonti normative. La costituzione. Il diritto del lavoro. La legge 300/70. DLgs 66/2003 e DLgs 81/2008.
Ore 11.00: Discussione in plenaria.
Ore 11.30: Dall’accordo interconfederale del 20/12/1993 al testo unico sulla rappresentanza del
10/01/2014. Un percorso di oltre 20 anni, passati per l’accordo separato del 22/01/2009, l’accordo interconfederale del 28/06/2011 e il protocollo d’intesa del 31/05/2013.
Ore 13.00: Pausa pranzo.
Ore 14:00: Il CCNL della Mobilità/AF e il contratto aziendale del Gruppo FSI: il sistema delle relazioni
industriali.
Ore 15.30: Dibattito dei partecipanti e valutazione della seconda giornata.
Ore 16.00: Termine dei lavori

3 giornata – 21/02/2020

Ore 09.00: Il CCNL della Mobilità/AF e il contratto aziendale del gruppo FSI: Mercato del lavoro e
classificazione professionale. Orario di lavoro, parte generale. Svolgimento del rapporto di lavoro
Ore 11.30: Discussione in plenaria.
Ore 12.00: Il CCNL della Mobilità/AF e il contratto aziendale del gruppo FSI: la retribuzione.
Ore 13.00: Pausa pranzo.
Ore 14:00: La busta paga
Ore 15.30: Dibattito dei partecipanti e valutazione della terza giornata.
Ore 16.00: Termine dei lavori

4 giornata – 27/02/2020

Ore 09.00: La tassazione sui redditi delle persone fisiche. Il lavoro dipendente, il sostituto d’imposta, la
dichiarazione dei redditi.
Ore 10.30: Discussione in plenaria.
Ore 11.00: Il sistema previdenziale pubblico. La previdenza complementare.
Ore 13.00: Pausa pranzo.
Ore 14:00: I fondi di previdenza complementare. Eurofer
Ore 15.30: Dibattito dei partecipanti e valutazione della quarta giornata.
Ore 16.00: Termine dei lavori

Giornata integrativa: il personale mobile – 06/03/2020

Ore 09.00: L’orario di lavoro del personale mobile.
Ore 11.00: Discussione in plenaria.
Ore 12.00: I turni individuali e i turni collettivi.
Ore 13.00: Pausa pranzo.
Ore 14:00: Gli istituti retributivi specifici degli equipaggi.
Ore 15.30: Dibattito dei partecipanti e valutazione della giornata.
Ore 16.00: Termine dei lavori

Giornata integrativa: la manutenzione infrastruttura – 09/03/2020

Ore 09.00: Lavoro straordinario e lavoro notturno.
Ore 10.30: Discussione in plenaria.
Ore 11.00: La reperibilità/disponibilità: quadro normativo
Ore 13.00: Pausa pranzo.
Ore 14:00: La reperibilità/disponibilità: esempi pratici.
Ore 15.30: Dibattito dei partecipanti e valutazione della giornata.
Ore 16.00: Termine dei lavori

PASSWORD RESET

LOG IN