Federazione Italiana Lavoratori Trasporti

banner
Atitech: Riunione al Mise “crisi nel settore manutenzioni aeronautiche”
,

Atitech: Riunione al Mise “crisi nel settore manutenzioni aeronautiche”

SHARE
Atitech: Riunione al Mise “crisi nel settore manutenzioni aeronautiche”

Riunione al Mise Società Atitech

Nella giornata del 21 giugno a Roma si è svolto presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il previsto incontro per la situazione di crisi industriale della società Atitech.

L’emergenza della società, che opera nel settore delle manutenzioni aeronautiche, si è determinata soprattutto per la crisi del principale committente della società, “Alitalia Sai” che dal 2 di maggio, ha fatto ricorso alla procedura d’insolvenza.

La procedura, rispetto alla disposizione normativa della legge fallimentare, determina l’impossibilità per i fornitori di vedersi riconosciuti i crediti finanziari, in questo caso, per le attività svolte precedentemente alla data dell’insolvenza.

Partendo da questa prospettiva la società Atitech si vede sprovvista della liquidità finanziaria sia per i 5 milioni di euro che dovrebbe avere da Alitalia Sai, credito che dovrà essere rivendicato con l’insinuazione al passivo presso il Tribunale di Civitavecchia, e per i mancati riconoscimenti economici “ 2,5 milioni di euro” dovuti per i programmi formativi già svolti, attraverso l’autorizzazione dei progetti prefinanziati a livello Nazionale e Regionale.

La necessità delle risposte sui temi avanzati nella riunione del 7 giugno, sono stati di nuovo sollecitati sia dall’azienda, sia dalle parte sociali, al fine di sostenere la stabilità industriale e finanziaria dell’impresa e per evitare un intervento volto alla riduzione del personale attualmente occupato nella società.

Sul versante dei temi rivendicati, Le istituzioni presenti, per il Ministero dello Sviluppo Economico e per la Regione Campania, si sono resi disponibili ad assumersi i propri impegni per la risoluzione delle criticità ancora in essere.

L’assessore Regionale Matteo Lepore, in merito ai piani/progetti di sviluppo autofinanziati tra Stato/Regione, ha informato le parti, di avere sottoscritto un accordo quadro con il Ministero dello sviluppo Economico e che in ragione di quanto ciò, la società Atitech, potrà presentare il progetto aziendale al fine di ottenere la parte di finanziamento pubblico previsto.

Il rappresentante del Ministero dello Sviluppo Economico, sollecitato, si è reso disponibile a mettere in campo tutte le iniziative finalizzate a produrre risposte in tempi brevi, in relazione ai temi evidenziati e rivendicati dalle parti.

  • Impegni sui seguenti temi:
    • Riconoscimento dei crediti verso la procedura, tramite un percorso alternativo, auspicabilmente sostenuto da istituti finanziari
    • Sostegno al piano d’investimento aziendale tramite l’accordo di programma tra Stato /Regione, volto all’acquisizione del finanziamento pubblico
    • Incontro con i commissari di Alitalia in A.S. per la verifica dei volumi di lavoro La delegazione sindacale, con finalità di assicurare la continuità operativa dell’azienda, ha sollecitato il dirigente del Ministero in merito alla possibilità di un riconoscimento dello strumento di cassa integrazione ai sensi della legge 148/2015 a disposizione delle aziende in crisi che ne fanno espressamente richiesta.

Sarà compito dell’azienda presentare la domanda al Ministero di competenza, richiesta che dovrà essere presa in carico per l’istruttoria e la verifica dei requisiti da parte della commissione per un’eventuale approvazione.

Preso atto delle richieste avanzate da tutte le parti presenti nella riunione, il dirigente del Ministero dello Sviluppo Economico, ha pianificato il per il giorno 10 luglio, ore 15.00 la data della prossima riunione.

Filt-Cgil Fit Cisl Uil Trasporti Ugl Trasporto Aereo
Dipartimenti Nazionali Trasporto Aereo

Roma, 22 giugno 2017