Federazione Italiana Lavoratori Trasporti

banner
ANM: esito incontro del 29 giugno u.s.
,

ANM: esito incontro del 29 giugno u.s.

SHARE
ANM: esito incontro del 29 giugno u.s.

Segreterie Regionali Campania

ESITO INCONTRO IN ANM DEL 29 GIUGNO 2018

Nel corso della riunione l’Azienda ha dato una pre-informativa sul Piano concordatario, rispetto a quella più completa che sarà comunicata lunedì 2 luglio p.v. nella riunione convocata dal Comune di Napoli, relativamente al Piano Industriale 2018-2019.

Il Piano concordatario che sarà presentato ai giudici martedì 3 luglio 2018, prevede nel biennio (2018-2019) 325 uscite di lavoratori di cui:

  •  81 pensionamenti naturali;
  •  58 (esuberi ex procedura Legge 223/91) da collocare in altre partecipate attraverso la c.d. Legge “Madia”;
  •  186 in esubero da “governare” secondo procedure non ancora individuate. Tale personale appartiene ai settori non operativi, ad eccezione di poche unità operative della sosta.

Le OO.SS., in particolare FILT-FIT-UILT, hanno contestato all’azienda la pre-informativa nel metodo e nel merito.

Nel metodo in quanto è inconcepibile ed inaccettabile dare informazioni confuse ed incomplete in Azienda e fortemente in ritardo, rendendo di fatto impossibile ogni utile contributo da parte delle OO.SS.

Nel merito, al netto di una non conoscenza nel dettaglio del Piano Industriale elaborato, la previsione di “esuberi” nella misura di 244 unità, oltre agli 81 pensionamenti, non è determinata da reali esigenze di assetto organizzativo aziendale, bensì da un mero rendiconto economico.

Tuttavia tutto ciò non tiene conto della necessità di dare una mobilità adeguata alla città per ferro, gomma e sosta, così come prevista dai contratti di servizio attualmente in essere.

Inoltre, in relazione ai 58 esuberi (su 244 individuati) da “collocare “ attraverso la c.d. Legge Madia, si evidenzia che tale procedura è inapplicabile per ritardi e vizi di forma, anche in riferimento alle individuazioni improprie dei lavoratori della procedura Legge 223/91 già conclusa in sede regionale ed aziendale.

Le OO.SS. hanno fortemente sollecitato l’Azienda a modificare il Piano concordatario senza dichiarare esuberi, ma presentare un progetto di rilancio dell’ANM, con investimenti ed una nuova organizzazione complessiva, che preveda il giusto equilibrio delle risorse umane da utilizzare.

La città ed i lavoratori meritano un servizio di qualità che, attraverso una seria programmazione ed i giusti investimenti, ANM potrà dare, anche con il contributo di tutti i lavoratori e le professionalità che essi esprimono.

Le OO.SS. trasmetteranno, in modo formale, al Comune di Napoli e all’Azienda stessa queste  osservazioni e la disponibilità ad un confronto di merito per il salvataggio di ANM e salvaguardia dei livelli occupazionali.

Lavoratori, vi terremo informati sugli ulteriori sviluppi.

Napoli, 29 giugno 2018

Le Segreterie Regionali